Sicurezza Intelligente – Show Room n°9 anno XXI

La prestigiosa rivista di settore Show Room ha dedicato una lunga recensione alla porta più tecnologica prodotta da Makos mettendone in luce le innovative qualità e la versatilità di utilizzo. Segue l’estratto dal numero 9 anno XXI di Show Room intitolato “Sicurezza Intelligente”:

 

IMG_4213La nuova idea di porta 2.0 nasce da Makos (www.makos.it), azienda di Ovada che da oltre vent’anni sviluppa e produce una gamma completa di porte – motorizzate e non – e che oggi propone al mercato una vera e propria soluzione domotica dotata di una telecamera IP MOBOTIX, senza rinunciare a estetica e design. E’ la porta motorizzata 7200 MX capace di combinare le caratteristiche tradizionali di un infisso di ottima qualità con l’innovazione e la tecnologia al servizio di sicurezza e versatilità. Oltre a essere certificata in classe 4 per quanto riguarda la sicurezza, la novità esclusiva è infatti ben visibile ad altezza persona. Si tratta di una telecamera intelligente – firmata dalla multinazionale tedesca MOBOTIX – che trasmette immagini via IP, quindi collegabile attraverso Internet a una serie di dispositivi di uso comune e che permette di accedere a una serie di funzioni da remoto, aumentando la sicurezza e la praticità di quello che fino ad oggi era un semplice elemento passivo della casa, senza rinunciare alla bellezza dell’artigianalità. Grazie ad un’ottica all’avanguardia, capace di coprire inquadrature con un angolo di 180 gradi, è possibile avere il pieno controllo di quello che succede all’esterno nel momento in cui si presenta qualcuno, ed effettuare tutte le verifiche del caso, senza dare segnali della propria presenza all’interno. Le immagini riprese dalla Makos MX sono visibili per il momento su iPhone e iPad, ma a breve anche su piattaforma Android, diventando così accessibili sulla quasi totalità di smartphone  e tablet PC presenti sul mercato.IMG_4215

Atteverso la relativa applicazione, e alla presenza di una tanto minuscola quanto performante sezione audio integrata, è anche possibile dialogare con chi si trova davanti alla porta e all’occorrenza, sbloccare l’elettroserratura da remoto per consentire l’ingresso. Una sorta di vera e propria chiave elettronica virtuale. Un microprocessore di ultima generazione consente poi di andare oltre queste funzioni, aprendo la strada per un ingresso nel mondo della domotica dalla porta principale, come è il caso di dire.

La possibilità di interagire con l’ambiente circostante consente infatti di monitorare la temperatura ambientale, per il semplice benessere offerto dal controllo remoto dell’impianto di climatizzazione, ma anche per segnalare situazioni anomale e attivare eventuali allarmi antincendio.